Intervista a EMily Cross

Ciao, vuoi presentarti ai nostri lettori?

Ciao a tutti! Sono nata a Roma l’ultimo anno degli ’80, quando è crollato il Muro. Crescendo ho escluso i numeri per dedicarmi solo a contenuti umani. Scrivo per vocazione e per bisogno, mangio come un maschio, cucino bene e mi stupisco facilmente di fronte ai pregi e ai difetti della gente (in senso lato). Prima di scrivere ho iniziato inventando storie. Da bambina non vedevo l’ora di andare a dormire per poter spegnere la luce e immaginare nuovi mondi e nuovi personaggi. Da lì, l’ambizione di mettere nero su bianco è stata un tutt’uno col vero e proprio bisogno di farlo.

Moglie, lavoratrice e scrittrice, come si fa a conciliare tutto?

Beh, almeno moglie ancora non lo sono, anche se mi ci comporto 😉 Questa domanda è semplice, basta non pensare a come conciliare, insomma, si fa e basta. Poi in primavera la dottoressa ti imbottisce di integratori, e via.

Blogger ed autrice, binomio…..perfetto o meno?

Al momento mi riesce meglio scrivere romanzi che articoli, nel secondo caso mi sento un po’ legata. C’è chi riesce a fare entrambe le cose, io ho bisogno di libertà totale e questo spesso mi limita.

Decalogo del buon o cattivo blogger (5 punti)

  • Avere un minimo di cultura generale
  • Essere politicamente corretti o almeno intellettualmente onesti
  • Fare tendenza
  • Fare tendenza senza copiare il lavoro altrui
  • Evitare di intralciare il lavoro altrui 

Decalogo della buona o cattiva scrittrice(5 punti)

  • Avere un minimo di cultura generale
  • Fare immedesimare i lettori con i personaggi
  • Essere chiari in tutto ciò che si scrive
  • Non ostacolare in modo disonesto i colleghi
  • Non tirarsela mai 

Com’è il tuo rapporto con la scrittura?

Probabilmente la scrittura è l’unica cosa della mia vita con la quale ho un rapporto sano.

E’ più passione o necessità?

Diciamo che è una passione necessaria.

Quando ti senti pronta per scrivere?

Se ho la trama, sempre.

Quando e come le idee si trasformano in parole?

Di notte penso, al buio. Di giorno scrivo.

E la lettura? libro/i che adori?

Amo i rosa e i thriller. I libri psicologici che descrivono l’essere umano.

Autore/i che ti ha/nno colpito  influenzato?

Dostoevskij e King.

Prima della saga di Allison Carter, avevi già pubblicato racconti, poesie, libri?

Prima? Sì. Tre romanzi, dal fantascientifico al sovrannaturale.

Come nascono i tuoi scritti?

Dalle mie esperienze personali e dalle mie fantasie. Un mix.

Allison Carter, come prende vita?

Volevo un personaggio femminile cazzuto. Migliore di me. E così è nata Allison.

images

C’è un pò di Emily in Allison?

C’è quello che vorrebbe “essere”. Non tanto per le esperienze, perché ne ha passate di brutte. Mi riferisco a come si pone nei confronti del mondo.

E  le sue avventure?

Sono un’appassionata di serie Tv poliziesche e detective stories.

images (1).jpeg

Aaron Fisher, come nasce?

Anche Aaron ha molti dei miei valori e condividiamo la stessa idea del mondo. Solo che lui è meno irrazionale e più forte di me a livello emotivo.

I due protagonisti crescono e cambiano insieme, come hai ideato questa coppia?

Per come li vedo io, meritano di stare insieme e di guarirsi a vicenda le vecchie ferite. Nessuno potrà mai sostituire l’altro, fra loro è così.

Fantasia condita da un pò di realtà?

In linea di massima per la serie di Allie è tutta fantasia. A parte alcuni luoghi citati e qualche piccola vicenda secondaria.

images (3).jpeg

Le tue trame propongono un buon mix di giallo, poliziesco e romance.  Come nascono i libri di questa serie?

Credo che quei generi che hai citato stiano bene insieme. Soddisfano tutte le esigenze dei lettori. La vita privata, al di là dell’indagine, serve per far conoscere e quindi entrare in sintonia col personaggio.

Il cerchio si chiude è un omaggio al fim del 1947 diretto dal Richard Wallace e interpretato da Glenn Ford, Barry Sullivan e Janis Carter?

Oh mio Dio non lo conosco (figura di cacca). Andrò a sbirciare.

images (4).jpeg

Cody è il figlio adottivo di Allison e Aaron, la nuova generazione di Carter e Fisher, un personaggio particolare, vuoi parlarcene?

Anche lui è un imperfetto nato. Né bianco né nero. pieno di sfumature. Credo che ogni lettore lo vedrà in modo diverso. Qualcuno lo amerà, ma molti lo odieranno.

download (1).jpeg

Se dovessero farti una proposta televisiva o cinematografica per i tuoi romanzi, quali attori vorresti nel cast ed in quale ruolo?

Non ho pretese ovviamente, ma Allison la vedo un po’ un mix fra Rachel McAdams, Yvonne Strahovski e Margot Robbie. Per Aaron ci starebbe bene un Taylor Kitsch. Insomma tutta gente brutta 😉

E la produzione?

Rigorosamente Hollywoodiana.

download

Ormai è diverso tempo che pubblichi i tuoi romanzi, come vivi e cosa pensi della situazione italiana?

Purtroppo ho perso completamente fiducia nelle case editrici. Per le quali, fra l’altro, ho lavorato. I libri oramai sono uno dei tanti prodotti commerciali da supermercato. Niente di più. (O meglio, ce li hanno fatti diventare.)

Casa editrice o auto publicazione?

Per ora Self, non ho scelta.

La piattaforma Amazon, pro e contro…

Pro: è la più grande e la più efficace. Contro: sei nelle mani di un algoritmo.

E-book o cartacei?

Nel cuore cartacei, ma per la comodità l’e-reader è una vera rivoluzione.

Com’è il  lavoro di promozione telematico?

Lo odio. Non fa per me. Non ho mai combinato nulla di buono in quel senso.

Consigli su come farsi conoscere nel web?

Credo che la componente economica sia fondamentale. Almeno all’inizio…

Il tuo rapporto con social media?

Lo odio. Non fa per me. Non ho mai combinato nulla di buono in quel senso. (2)

Rapporti con colleghi? (autori?)

Pochi ma buoni 😉

Suggerimenti per autori emergenti?

Non ve la tirate. Non ve ne uscite con frasi del tipo: sono ufficialmente uno scrittore (perché non lo si è mai ufficialmente). Non fatelo per i soldi e neanche per la fama. Reinventatevi sempre, anche nello stile. 

Con Allison

i tuoi contatti….

I libri su Amazon

https://www.facebook.com/emilycrosses/

clacro89@gmail.com

 

 

 

 

1 Comment

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...